Istituto San Cipriano | Istituto San Cipriano
15259
page-template-default,page,page-id-15259,page-parent,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Istituto San Cipriano

Accoglienza e ambientamento

L’Istituto “San Cipriano” è una scuola cattolica, che si ispira alla concezione cristiana della vita, del mondo, della storia e della cultura e propone agli alunni la formazione integrale.

Vuole essere una “scuola aperta”, con orari flessibili, dalla mattina alla sera, dove i bambini sono felici di vivere, come nella loro “seconda casa”. 

All’inizio dell’anno scolastico le insegnanti predispongono un percorso personalizzato d’ingresso e dei primi giorni di scuola:

  • danno significato e personalizzano il momento dell’incontro tra famiglia e scuola con le quali entra in relazione;
  • favoriscono la creazione di nuove relazioni tra i compagni;
  • si fanno carico delle emozioni di ansia o di fiducia dei bambini e dei loro genitori;
  • rendono positiva l’esperienza del distacco dalla famiglia;
  • creano  nel bambino un atteggiamento fiducioso verso il nuovo ambiente e le   persone.

Collaborazione tra scuola e famiglia

Nella scuola primaria e dell’Infanzia più che in qualsiasi altro grado di scuola, risulta necessaria e irrinunciabile la collaborazione della famiglia con la proposta educativa della scuola.

L’integrazione funzionale fra scuola e famiglia rappresenta la condizione essenziale in cui saranno messe in luce e sviluppate le potenzialità che il bambino esprime con i due ambienti.

I genitori sono chiamati a prendere coscienza del progetto educativo e verificare gli obiettivi in esso proposti.

Devono inoltre contribuire alla collaborazione con le altre componenti della comunità educante, in particolare con  i docenti che sono i primi responsabili della didattica e dell’attuazione del progetto educativo della scuola.

La scuola, da parte sua, attraverso varie iniziative, sensibilizza i componenti della comunità educante all’assunzione della loro responsabilità o alla partecipazione educativa, perciò promuove incontri volti:

  • A presentare il progetto educativo e quello didattico.
  • Ad approfondire problemi educativi.
  • A promuovere iniziative varie ( culturali, religiose, di sostegno alla scuola)
  • Servizi educativi e scolastici a disposizione delle famiglie

    • Celebrazioni religiose
    • Festa d’autunno
    • Mercatino di Natale
    • Festa di Natale
    • Festa di Pasqua
    • Serata di Solidarietà
    • Festa di Carnevale
    • Festa del babbo e della mamma
    • Mercatino di solidarietà
    • Attività proposte dal Consiglio d’Istituto

Scuola dell’infanzia

Scuola Primaria

Aule

Aule

Le aule, dove si svolge normalmente l’attività didattica mattutina sono spaziose, luminose ed accoglienti; sono dotate di tutte le attrezzature necessarie. I banchi sono in ottimo stato e vengono revisionati all’inizio di ogni anno. La  pulizia delle aule viene effettuata ogni giorno, nel pomeriggio.

Laboratorio scientifico

Laboratorio scientifico

Un’ampia vetrina, situata nel corridoio per le osservazioni e le esperienze di fisica, chimica e scienze naturali, contenente materiali e strumenti scientifici, animali imbalsamati, collezioni di minerali e modelli anatomici. Il laboratorio scientifico è a disposizione degli alunni della scuola dell’Infanzia e della Primaria.

Biblioteca

Biblioteca

Ben fornita di testi di consultazione, di collane di storia, letteratura, arte scienze e delle buone enciclopedie. Vi sono anche testi sacri ed è aperta sia ai docenti che agli alunni. Le varie biblioteche di classe mettono a disposizione degli alunni  libri necessari all’attuazione dei programmi di promozione della lettura.

Aula di Informatica

Aula di Informatica

E’ composta da N° 6 personal computer, N°2 stampanti, uno scanner, un modem  e una fotocopiatrice. Altri computer sono collocati nelle aule. Il laboratorio  d’informatica è a disposizione degli alunni della scuola dell’Infanzia e della Primaria.

Cappella

Cappella

Luogo in cui le suore, ogni mattina, prima di iniziare la giornata scolastica, si raccolgono per pregare e per la Celebrazione Eucaristica. E’ a disposizione dei genitori, dei docenti e degli alunni per momenti personali e privati d’incontro con il Signore.

Cucina

Cucina

Spaziosa con arredo nuovo (lavastoviglie, affettatrice ed elettrodomestici vari ). La maggior parte dei mobili è in acciaio inox. San Cipriano dispone di un servizio mensa interno curato da personale specializzato.

Refettorio

Refettorio

Luogo ampio e luminoso dotato di  arredo nuovo: 8 tavoli da N°6 persone cadauno, 3 tavoli  da 12 persone cadauno e sedie in plastica di colore azzurro. Dispone di un distributore d’acqua a due getti:  refrigerata e a temperatura ambiente per essere usata durante il pranzo. E’ a  disposizione di tutti gli utenti dell’Istituto. La consumazione del pranzo durante l’anno scolastico costituisce parte integrante dell’attività educativa proposta agli alunni.

Servizi igienici e Spogliatoi

Servizi igienici e Spogliatoi

Spaziosi, muniti di lavelli con acqua calda e fredda e attaccapanni per asciugamani. Esiste nella scuola anche un servizio per portatori di handicap e armadietti di infermeria. Gli spogliatoi consistono in n° 8 armadietti di tre scomparti cadauno e 2 appendiabiti in ogni scomparto più un cassetto personale.

Salone

Salone

Ampio e luminoso, capace di 200 posti a sedere, viene utilizzato in occasioni di conferenze e riunioni, feste e attività proposte dal consiglio dei genitori. E’ dotato d’impianto fonico, televisore, video-registratore e palco per drammatizzazioni di gruppo e canto corale.

Gestione della scuola

La  Scuola Primaria San Cipriano è una Istituzione non statale, parificata dal 28/09/1968,  paritaria dal 09/11/2001 autonoma, senza fini di Lucro.

E’ sostenuta  economicamente dai contributi ministeriali e regionali della Toscana del  diritto allo studio; tali importi sono integrati dai genitori degli alunni.

Organizzazione e funzionamento

E’ importante ricordare come una scuola si qualifichi per il valore delle scelte proposte, ma anche per lo stile delle attività che in essa si svolgono. Per realizzare le finalità presunte,  la scuola si avvale di un’ organizzazione che deve essere puntuale e adeguata e preveda il modulo orario, l’articolazione delle attività didattiche, i modi di partecipazione delle singole componenti educative e gestionali. La descrizione di queste voci è fissata da un apposito regolamento interno. Il modulo orario deve rispondere alle finalità educative della scuola, esso comprende normalmente sia il mattino che il pomeriggio; ciò rende possibile alternare momenti d’impegno a momenti di distensione e permette di offrire al bambino una proposta più completa, serena e adeguata alle sue possibilità ed esigenze. Si deve far attenzione a non prolungare l’orario giornaliero per non cadere nell’assistenzialismo; situazioni   di particolari necessità vanno considerate con attenzione e risolte caso per caso.

Nell’organizzazione di varie attività si è consapevoli che ogni momento trascorso a scuola ha un preciso valore educativo e come tale va rispettato sia dai docenti, sia dai genitori che dal gestore.

La proposta educativa didattica deve avere di mira il bene reale del bambino e su questo la comunità educante dovrà realizzare convergenza di scelta, di valutazione e coerenza applicativa.

La scuola si propone di attuare gli obiettivi indicati:

  • dal progetto educativo;
  • dai Piani di Studi Personalizzati per la scuola Primaria (Legge n°53 del 28/03/2003)
  • dall’ordinamento giuridico per la scuola non statale (C.M. 31 del 18 marzo 2003)
  • le vigenti disposizioni in materia igienico-sanitarie.
  • dagli “strumenti” di intervento per gli alunni con bisogni educativi speciali (C.M. n. 8 del 27/12/2012) BES.
Regolamento interno

L’anno scolastico inizia e termina secondo le indicazioni del calendario della regione Toscana.

Le attività didattiche, durante l’anno scolastico, non subiranno interruzione a causa di scioperi o assemblee, onde evitare disagio ai genitori che lavorano.

Dopo cinque giorni di malattia, per il rientro a scuola, è obbligatorio il certificato medico.

La scuola è munita di assicurazione contro gli infortuni.

Si richiama l’attenzione dei genitori sui seguenti punti espressi nel regolamento della scuola: ( n° 63 del regolamento)

L’atto d’iscrizione di un alunno costituisce automaticamente impegno a versare l’intera retta scolastica annuale, suddivisa in nove mesi (settembre – ­maggio) anche se l’alunno, per qualsiasi motivo, debba assentarsi dalla scuola per lunghi periodi nel corso dell’anno scolastico.

I versamenti possono essere effettuati:

  1. presso la banca di Pistoia Credito-cooperativo Chianti Banca Filiale di Chiazzano c/c bancario n° 501151 intestato a Istituto San Cipriano, via del Nespolo, 2  51100 Pistoia – IBAN  IT13P0867313801060000501151
  2. presso la posta  c/c postale n° 59463133 intestato a: Congregazione Suore Domenicane Ancelle del  Signore, via del Nespolo, 2     51100  Pistoia – IBAN IT83T0760113800000059463133
  3. presso la banca Monte dei Paschi di Siena  c/c bancario 1729280 intestato a: Istituto San Cipriano, via del Nespolo, 2     51100  Pistoia – IBAN  IT81L0103013800000001729280

specificando nella causale del versamento: nome – cognome dell’alunno, classe frequentata e iscrizione e/o rata di riferimento.

Le ricevute dei versamenti effettuati dovranno essere conservate, per eventuali successive verifiche, almeno per tutto il corso dell’anno scolastico.

Contratto formativo

Gli aspetti fondamentali che caratterizzano i rapporti tra l’Istituto e i genitori degli alunni sono espressi nel contratto formativo.

Alle famiglie viene garantito

  • La massima disponibilità nell’accogliere e nel valutare le loro esigenze.
  • Chiarezza nelle informazioni concernenti la vita della scuola e la sua organizzazione.
  • Un inserimento del loro figlio, nella nuova realtà scolastica che tenga conto del suo bagaglio individuale, delle sue esperienze umane (personali, familiari, sociali), delle sue difficoltà e delle sue attitudini.
  • Un atteggiamento, da parte di tutta la comunità educante, di disponibilità all’ascolto, di rispetto reciproco e di attenzione ai bisogni sul piano affettivo e relazionale.
  • Una formazione culturale completa ed approfondita, che possa consentire all’alunno di affrontare in modo agevole e, quindi, sereno i percorsi scolastici successivi.
  • Un’informazione dettagliata e puntuale sui contenuti e sulle attività proposte dalla scuola.
  • Possibili opportunità di recupero sugli apprendimenti scolastici.

 

       Alle famiglie viene richiesto:

  • Disponibilità a collaborare con i docenti e col dirigente per agevolare la crescita culturale ed umana dei propri figli.
  • Partecipazione agli Organi Collegiali in tutte le loro manifestazioni.
  • Consapevolezza che l’istruzione è un diritto – dovere di ogni cittadino e che, quindi, tutti i genitori devono adoperarsi per rendere tale diritto effettivo per i loro figli.
  • Prendere nota degli orari dei rientri pomeridiani e del doposcuola nella tabella esposta nelle proprie classi.
  • Non disturbare durante il normale orario di scuola.
  • Rispettare l’orario d’entrata (ore 8.30) e quello d’uscita. (16,00)
  • CHE CI SIA MASSIMA PUNTUALITA’
  • Avvisare per telefono particolari ritardi.
  • Far venire i ragazzi a scuola sempre con il grembiule.
  • Non disturbare mai gli insegnanti quando le lezioni sono iniziate.
  • Aiutare i ragazzi a rispettare le regole della scuola, soprattutto quelle dell’ordine e dell’igiene (bagno, aule, refettorio, giardino).
  • Fare partecipare i ragazzi in modo assiduo, corretto e responsabile alle attività della scuola.
  • Raccomandare di non sciupare gli arredi scolastici e tutto ciò che viene messo a loro disposizione.
  • Mantenere accogliente e pulito l’ambiente scolastico, inteso sia come bene personale sia come patrimonio della collettività.
  • Ricordare ogni giorno di rispettare e amare i compagni e tutta la comunità educante, di studiare regolarmente e di svolgere in modo puntuale i compiti assegnati dai docenti, seguendo le loro indicazioni e i loro consigli.
  • Non fermarsi a lungo all’interno della scuola creando problemi di sosta davanti all’Istituto.
  • La scuola consegna gli alunni espressamente ai genitori o a persone da essi indicati, mai a dei minori.
  • All’atto dell’iscrizione del primo anno scolastico, al genitore del bambino, sarà consegnato e fatto firmare una copia del presente contratto formativo.
Vuoi ricevere maggiori informazioni oppure vuoi venire a visitare la nostra struttura?